Modena, 27 maggio 2016 presso la Camera di Commercio di Modena, via Ganaceto 134 – Sala Leonelli

si svolgerà il convegno organizzato dal Consiglio Notarile di Modena:

“DIALOGHI INTORNO AI PATRIMONI SEGREGATI”

9.00-9.30 Registrazione dei partecipanti

9.30 Saluti: Presidente CND Modena, Presidente Ordine Forense Modena, Presidente Ordine Commercialisti ed Esperti Contabili di Modena e Autorità

10.00 Notaio Alessandro Torroni – “La destinazione patrimoniale nella famiglia”

10,45 Notaio Carmine Romano – “La destinazione testamentaria”

11,30 Notaio Daniele Muritano – “La revocatoria semplificata. Art. 2929-bis c.c.”

12.15 Prof. Salvatore Patti – Riflessioni conclusive

Modera il Notaio Giorgio Cariani

13.30 – 14.30 Lunch

14.30 Intervento del rappresentante della Banca Popolare dell’Emilia Romagna soc. coop.

15.00 Tavola Rotonda sul tema: “La ricerca dell’equilibrio tra tutela del patrimonio e tutela dei creditori”

Partecipano:

Prof. Giuseppe Amadio; Avv. Saverio Bartoli; Notaio Federico Tassinari

Modera il Notaio Maria Luisa Cenni

17.30/18.30 Dibattito e Risposte a quesiti

Comitato Regionale dei Consigli Notarili dell’Emilia-Romagna

IL NOTAIO MODENESE FLAVIA FIOCCHI ELETTA PRESIDENTE DEL COMITATO REGIONALE DEI CONSIGLI NOTARILI DELL’EMILIA-ROMAGNA

Una donna ai vertici dei notai dell’Emilia-Romagna. Alla Fiocchi, che è già presidente del Consiglio Notarile di Modena, spetterà guidare tutti i Distretti Notarili della regione. La sua nomina avviene a poche settimane di distanza da quella del notaio reggiano Valentina Rubertelli, che ha assunto l’incarico di Delegato Nazionale al CNN per l’Emilia-Romagna. Insieme a Flavia Fiocchi, nella consultazione di ieri sono stati eletti i notai Giorgio Olivieri, Paolo Magnani e Chiara Maria Florio (in qualità rispettivamente di segretario e vice segretario), ed è stato riconfermato il notaio Andrea Zecchi di Ferrara quale tesoriere.

20 aprile 2016 _ Profumo di donna ai vertici dei notai della regione: è il notaio modenese Flavia Fiocchi, il nuovo Presidente del Comitato Regionale dei Consigli Notarili dell’Emilia-Romagna. La nomina della Fiocchi _ emersa ieri in seno alla riunione del Comitato _ avviene a poche settimane da quella del notaio reggiano Valentina Rubertelli, che ha assunto l’incarico di Delegato Nazionale al CNN per l’Emilia-Romagna. Nondimeno, va evidenziato che nella nostra regione i notai in rosa ai massimi incarichi sono diverse. Oltre a lei, che ricopre da anni l’incarico di Presidente del Consiglio di Modena, vanno menzionate quali Presidenti di Distretto Rosa Menale (Consiglio Notarile di Forlì-Rimini), Maria Rosaria Fiengo (Consiglio Notarile di Piacenza), Maura Manghi (Consiglio Notarile di Reggio Emilia).

In merito alla nuova nomina, la Fiocchi sottolinea: <Vedo nel Comitato Regionale una vera e propria risorsa per il notariato emiliano-romagnolo. Ogni distretto notarile ha e deve mantenere la propria indipendenza e la propria individualità, legata ad elementi sia soggettivi che oggettivi, territoriali ed economici , che rendono diverso un distretto dall’altro, nonostante la vicinanza territoriale ed il medesimo contesto regionale. Per questo è utile che le eccellenze di ciascuno , e le esperienze di ognuno, possano essere condivise per la crescita comune, attraverso un organismo di condivisione quale deve essere il Comitato Regionale, strumento idoneo , per partecipazione e struttura, a creare una politica regionale ed iniziative di ampio respiro al servizio di ciascun distretto _ osserva il neo Presidente, che aggiunge: <Il Comitato Regionale, rappresentando tutti i Distretti della Regione, dovrà poter promuovere linee formative ed informative ad ampio raggio, coinvolgendo anche e soprattutto le istituzioni regionali, attraverso convegni e giornate di studio, che si andranno ad affiancare, senza mai superarle, la comunicazione e la formazione posta in atto da ciascun distretto >.

Insieme a Flavia Fiocchi, nella consultazione di ieri sono stati eletti i notai Giorgio Olivieri, Paolo Magnani e Chiara Maria Florio (in qualità rispettivamente di segretario e vice segretario), ed è stato riconfermato il notaio Andrea Zecchi di Ferrara quale tesoriere.

IL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI IN FAMIGLIA. GENITORI E FIGLI, LA LEGGE OLTRE GLI AFFETTI.

Il Consiglio Notarile di Modena, con il patrocinio del Comune, presenta due nuove ‘Guide per il cittadino’, realizzate attraverso la collaborazione tra il CNN e le principali Associazioni dei Consumatori. Sabato 19 marzo le Guide saranno illustrate al pubblico presso la Galleria Europa in Piazza Grande (ore 10-12.30), con l’intervento dell’assessore Andrea Bosi (Pari Opportunità) e dei notai del Distretto di Modena insieme ai rappresentanti delle Associazioni Consumatori.

Modena – A Modena, i notai presentano al pubblico due tra le ultime nate tra le ‘Guide per il Cittadino’, quelle sulla famiglia e sui figli: “Il matrimonio: diritti e doveri in famiglia” e “Genitori e figli, la legge oltre gli affetti”, nate, come le altre della stessa collana, dalla collaborazione tra Consiglio Nazionale del Notariato e 12 delle principali Associazioni dei Consumatori (Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori).

L’incontro (ingresso libero), con il patrocinio del Comune di Modena, è fissato per sabato 19 marzo presso la sede del Comune in Piazza Grande (Galleria Europa) dalle 10 alle 13.

Intervengono:

Flavia Fiocchi, Presidente del Consiglio Notarile di Modena

Enrico Guerzoni, Dirigente all’Assessorato alle Pari Opportunità, del Comune di Modena

Renza Barani Presidente Federconsumatori Modena

Rino Costa Presidente Confconsumatori Modena

Mirella Guicciardi Coordinatrice della Commissione per le Pari Opportunità (CPO) del Comitato Unitario delle Professioni Intellettuali (CUP) della Provincia di Modena.

La presentazione delle Guide e il dibattito con i cittadini è a cura dei notai Nicoletta Righi e Angela Scudiero.

Amministratori, notai e rappresentanti dei consumatori saranno a disposizione dei cittadini per rispondere e chiarire domande e dubbi.

Le Guide per il Cittadino.

Guida sul matrimonio. “Il matrimonio: diritti e doveri in famiglia” è 11a Guida per il Cittadino, di recente pubblicazione, dedicata agli obblighi di legge che marito e moglie assumono reciprocamente e nei confronti dei figli, alle disposizioni in ambito successorio e previdenziale, nonché alle novità in tema di separazione e divorzio.

Secondo i dati ISTAT dal 1972 il numero dei matrimoni in Italia è in costante diminuzione ed in particolare negli ultimi 20 anni la flessione media annua è stata dell’1,2%. A diminuire sono soprattutto le prime nozze tra sposi di cittadinanza italiana: 145.571 celebrazioni nel 2013, oltre 40 mila in meno negli ultimi cinque anni. I matrimoni con almeno uno sposo straniero sono circa 26 mila e di questi la tipologia prevalente è quella in cui la sposa è di cittadinanza straniera: 14.383 nozze (il 78% di tutti i matrimoni misti). Una sposa straniera su due è cittadina di un paese dell’Est Europa (Ue e non-Ue).

Parallelamente alla diminuzione dei matrimoni, crescono invece le nuove modalità di vita insieme: sono oltre 4 milioni i single non vedovi, quasi 4 milioni le persone che vivono in famiglie di mono-genitori non vedovi, circa 3 milioni le persone che vivono in famiglie di non coniugati e quasi 2 milioni quelle che vivono in famiglie ricostituite coniugate. In totale oltre 13 milioni di persone, il 21% della popolazione, dato quasi raddoppiato rispetto al 1998 vive in famiglie non tradizionali. Le libere unioni hanno superato il milione nel 2012-2013 e rappresentano il 7% delle coppie; sono più diffuse nel nord-est, presentano un titolo di studio più elevato e una percentuale maggiore di quelle coniugate dove entrambi lavorano. Diminuisce inoltre il numero di coppie decise a sposarsi dall’inizio dell’unione e cresce la percentuale di “possibilisti” (34%).

La Guida, con il consueto taglio divulgativo che caratterizza la Collana, offre una panoramica sulle tipologie di matrimonio attualmente previste dal nostro ordinamento, sugli effetti che producono sul piano dell’ordinamento giuridico italiano ed illustra anche le nuove procedure di divorzio per negoziazione assistita e per richiesta congiunta innanzi all’ufficiale di stato civile. Entrambe introdotte dal D.L. 132/2014, sono utilizzabili unicamente nel caso in cui il divorzio dipenda da separazione protratta.

Dallo status di coniuge scaturiscono importanti effetti che riguardano in particolare l’ambito previdenziale, successorio e che incidono sull’applicazione di determinati istituti giuridici, come nel caso di autorizzazione al trapianto di organi e tessuti.

Guida sulla filiazione.

La 13a ‘Guida per il Cittadino’ “Genitori e figli, la legge oltre gli affetti, affronta gli aspetti legislativi della relazione genitori-figli alla luce delle novità introdotte nel 2014, che hanno sostanzialmente equiparato il rapporto con i figli nati dentro o fuori il matrimonio.

Il vademecum nasce dalla necessità di rispondere alle trasformazioni della società italiana in cui, secondo i dati Istat, nel 2014 sono appena 363.916 i figli nati all’interno del matrimonio, ben 100mila in meno rispetto al 2008, anche a fronte del forte calo della nuzialità registrato nello stesso periodo (-57mila nozze tra 2008 e 2014). Ad aumentare risultano quindi i nati da genitori non coniugati che diventano oltre 138mila nel 2014 (quasi 26mila in più sul 2008), e il loro “peso” relativo, che raggiunge il 27,6% del totale delle nascite, con punte del 30% al Centro-Nord.

La Guida descrive gli aspetti giuridici della relazione genitori-figli come la responsabilità genitoriale che si sostituisce alla potestà enfatizzandone gli aspetti “doverosi” di cura morale e materiale del figlio fino a quando non abbia raggiunto l’indipendenza economica; l’affidamento e l’adozione, nelle modalità ammesse in Italia, la procreazione assistita e tutte le misure di tutela quando si ha a che fare con minori; e ancora, l’amministrazione di sostegno, la fase successoria con i relativi aspetti fiscali e il passaggio generazionale di un’azienda.

Come tutte le altre Guide, il vademecum è distribuito gratuitamente dal Consiglio Nazionale del Notariato e dalle Associazioni dei Consumatori che hanno partecipato alla sua realizzazione; ed è inoltre scaricabile dai rispettivi siti web.

Le Guide per il Cittadino sono disponibile sul sito www.notariato.it.

SETTIMANA NAZIONALE DEI LASCITI 2016

Con la collaborazione e il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato

DOMANI A MODENA, UN INCONTRO INFORMATIVO CON I NOTAI

27 gennaio 2016 _ Duemila nuovi casi all’anno, 1 nuova diagnosi di sclerosi multipla ogni 4 ore. Cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante, la sclerosi multipla è una grave malattia del sistema nervoso centrale che colpisce oltre 75 mila persone in tutta Italia. Ad esserne maggiormente colpiti sono i giovani tra i 20 e i 40 anni e le donne. Per questa malattia non esiste ancora cura risolutiva.

Per informare sul lascito testamentario, approfondire cosa prevede la legge italiana in materia di diritto successorio e per sensibilizzare sull’importanza dei lasciti per realizzare i più importanti progetti di AISM e della sua Fondazione (FISM), l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla promuove la Settimana Nazionale dei Lasciti Testamentari 2016, giunta quest’anno alla 12esima edizione, con la collaborazione del Consiglio Nazionale del Notariato.

A Modena, l’incontro informativo con i notai (ingresso libero), è in programma DOMANI (giovedì 28) alle 16, presso la Sezione Provinciale AISM, Strada Contrada, 127.

Al numero verde 800.094464 si potrà richiedere la Guida AISM elaborata in collaborazione con il Consiglio Nazionale del Notariato: l’importanza di fare testamento: una scelta libera e di valore. Uno sguardo in materia di diritto che, con un linguaggio semplice e chiaro, aiuta a districarsi in una materia tanto complessa, come quella delle successioni, aiutando chi è interessato a fare scelte consapevoli.

IN ALLEGATO L’ELENCO DEI NOTAI DISPONIBILI PER L’OPEN DAY SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI.

Documenti

LUNEDI’ 23 NOVEMBRE i notai di Modena si mettono a disposizione gratuitamente dei cittadini, direttamente nei loro studi, durante tutta la giornata, per offrire suggerimenti e consigli su come gestire successioni, donazioni e testamenti. L’iniziativa, un’autentica start up quest’anno al numero ‘0’, fa seguito al notevole interesse dimostrato per la Mostra sui Testamenti dei Grandi Italiani ‘Io qui sottoscritto’, che si è conclusa Modena un mese fa facendo registrare un grande successo di pubblico. Una imperdibile occasione.

Modena _ Un OPEN DAY sulle successioni. Lunedì 23 novembre, porte aperte in tutti gli studi notarili del Distretto Notarile di Modena: i notai riceveranno i cittadini durante l’intero arco della giornata, per offrire gratuitamente, a quanti lo desiderano, informazioni e consigli in tema di successioni e donazioni.

L’iniziativa nasce sull’onda della Mostra sui Testamenti dei Grandi Italiani ‘Io qui sottoscritto’, a cura del CNN e della Fondazione Italiana del Notariato, che ha fatto registrare un grande successo di pubblico.

Per i cittadini si tratta di una imperdibile occasione per ricevere, in via informale e riservata, suggerimenti e consigli su come gestire nel modo più opportuno il patrimonio familiare e dell’azienda, attraverso successioni, donazioni e testamenti.

<Il notaio è da sempre al servizio del Cittadino, per la città e nella città _ sottolinea Flavia Fiocchi, presidente del Consiglio Notarile di Modena _ Negli anni passati il Consiglio Notarile di Modena ha organizzato servizi di consulenza gratuita presso la propria sede o presso le associazioni dei consumatori, che hanno sempre incontrato un buon successo di pubblico. Recentemente poi _ aggiunge _ abbiamo notato una strabiliante presenza di pubblico in occasione della Mostra dei Testamenti dei Grandi Italiani, da noi organizzata presso il Comune di Modena, segno di un grande interesse della cittadinanza all’argomento delle successioni e donazioni, che noi pensiamo vada però trattato in modo personale e riservato. Ecco perché riteniamo che la consulenza di un notaio, dedicata e personalizzata, svolta presso il proprio studio, meglio si adatti al tipo di argomento trattato>.

Successioni, donazioni, testamenti: oggi più che mai una consulenza notarile riveste un ruolo nevralgico su questo terreno e per la tutela del patrimonio familiare. <La complessità delle mille leggi esistenti, l’incremento delle coppie di fatto e delle famiglie cosiddette ‘allargate’, che non trovano tutela successoria nell’attuale normativa, l’aspetto fiscale delle successioni e la difficoltà di commercializzazione dei beni donati in vita, sono argomenti corposi e difficili, che devono per forza essere trattati e risolti insieme ad un professionista altamente specializzato quale il notaio. _ osserva il Presidente del Consiglio Notarile di Modena _ Che potrà indirizzare l’utente alla miglior regolamentazione della propria futura successione e alla miglior suddivisione del proprio patrimonio, nel rispetto della legge e della volontà delle parti, che solo il notaio può adattare alla Legge, ottenendo tra l’altro il miglior trattamento fiscale possibile>.

Coloro che desiderano ricevere una consulenza, potranno accedere a tutti gli studi notarili del territorio, previo appuntamento.

Per appuntamenti:

Segreteria del Consiglio Notarile di Modena:

tel 059-223721

mail: consigliomodena@notariato.it.

Da Borelli all’editore Formiggini, da Enzo Ferrari al beato Focherini: le ultime volontà dei grandi esposte dai notai.

Enzo Ferrari, l’8 gennaio 1984 su carta intestata dell’azienda di Maranello, fu lapidario nel redigere il suo testamento a quattro anni e mezzo dalla morte che giungerà nell’agosto 1988: “Con il presente revoco ogni mia precedente disposizione testamentaria. Istituisco erede universale di tutti i miei beni mio figlio Piero Lardi Ferrari”.
Cosa c’è di più personale del testamento? Le ultime memorie che non servono solo a lasciare agli eredi le sostanze materiali di una persona, ma descrivono anche spesso il carattere e il modo di essere del defunto. Ecco perché la mostra “Io qui sottoscritto. Testamenti di grandi italiani”, prevista alle sale del Fuoco e Vecchio consiglio di Palazzo Comunale in piazza Grande qui presentata in anteprima, è importante. L’appuntamento, organizzato dal Consiglio nazionale del Notariato e dalla Fondazione italiana del Notariato e visibile dal 18 settembre al 18 ottobre, propone documenti originali di grandi italiani.
Ci sorto anzitutto i testamenti dei modenesi, Enzo Ferrari (1898-1988) in primis, ma anche il notaio Vincenzo Borelli (1786-1831), l’editore Angelo Fortunato Formiggini (1878-1938), beato Odoardo Focherini (1907-1944). Con loro i documenti personali di personaggi quali il politico ottocentesco Camillo Benso conte di Cavour, l’eroe dei due mondi Giuseppe Garibaldi, i politici Alcide De Gasperi ed Enrico De Nicola, lo scrittore dei Promessi Sposi Alessandro Manzoni, gli scrittori Gabriele D’Annunzio, Grazia Deledda, Luigi Pirandello, i poeti Gioachino Belli, Giovanni Verga e Giovanni Pascoli, il musicista più noto al mondo Giuseppe Verdi, i papi Giovanni XXIII e Paolo VI, l’industriale Giovanni Agnelli. Insomma tutti i personaggi che, insieme ad altri presenti lungo il percorso, hanno fatto la storia italiana.
Ma a destare più curiosità nei visitatori saranno i testamenti dei “miti” locali. Oltre a Ferrari si possono leggere quello surreale di Formiggini che di lì a poco, a causa delle leggi razziali appena entrate in vigore, si buttò dalla cima della Ghirlandina: “Viaggio triste ieri -scrive il 29 novembre 1938 alla figlia Emilia – per averti lasciato per sempre… Ma ieri sera tanto di cotoletta con i tartufi e di lambrusco…»
Oppure leggere quello di Focherini che nomina erede la giovane moglie Maria o quello di Borrelli che il 26 maggio 1831 scrive alla moglie chiedendo ‘Mille volte perdono ai genitori”. “Abbiamo pensato a questa mostra in occasione del festival filosofia -spiega il notaio Flavia Fiocchi, presidente dei notai modenesi – visto che quest’ anno la manifestazione di successo ha per tema “ereditare”. L’argomento suscita curiosità: dai documenti esposti si può infatti immaginare come un personaggio immaginasse il futuro. Il testamento è infatti un atto personalissimo che offre spesso tanti spunti antropomorfici. Si parla insomma di valori e idee”. Questi gli orari della mostra ad ingresso gratuito. Durante il Festival Filosofia: 18 settembre 9-23, 19 settembre 9 24 e 20 settembre 9- 20.

CONVEGNO “LA RIFORMA DEL DIRITTO DI FAMIGLIA: I PRIMI 40 ANNI”

MODENA 22 MAGGIO 2015

CAMERA DI COMMERCIO – SALA LEONELLI. VIA GANACETO 134.

9.00-9.30 Registrazione dei partecipanti
Sessione mattutina –
9.30 Saluti Presidente CND Modena, Presidente Ordine Forense Modena e Autorità
10.00 Prof. Avv. Salvatore Patti: “Un bilancio dell’esperienza legislativa e giurisprudenziale”
10.45 Prof. Avv. Michele Sesta: “Stato unico di filiazione e diritto ereditario”
11.30 Prof. Avv. Antonio Tullio: “L’evoluzione normativa della separazione e del divorzio: dall’indissolubilità del matrimonio alla negoziazione assistita”
Modera il Prof. Pietro Rescigno
12.15 Interviene il dott. Cosimo Maria Ferri – Sottosegretario di Stato presso il Ministero di Giustizia
Pausa Pranzo 13.30 – 14.30
Sessione Pomeridiana –
14.30 Dott. Giacomo Oberto: “I contratti prematrimoniali ed i contratti di famiglia”
15.15 Notaio Maria Luisa Cenni: “Il fondo patrimoniale tra protezione degli interessi familiari e pregiudizio delle ragioni creditorie”
16.00 Notaio Franco Salerno Cardillo: “Il diritto di famiglia alla prova della globalizzazione: regimi legali e possibili soluzioni pattizie tra coppie di diversa cittadinanza”
16.45 Notaio Carmine Romano: “Problematiche vecchie e nuove in materia di oggetto della comunione legale. La comunione convenzionale”
Modera il Notaio Federico Tassinari
17.30 Dibattito e Risposte a Quesiti

ISCRIZIONE AL CONVEGNO
L’iscrizione, per tutti gli Ordini, è obbligatoria ai fini della partecipazione al convegno, e dovrà essere effettuata mediante il modulo di iscrizione qui unito e verrà accettata a seguito del versamento della quota di iscrizione (pari a totali Euro 50,00 ridotti a Euro 30,00 per i praticanti) a mezzo bonifico bancario sul C/C presso BANCA POPOLARE DELL’EMILIA ROMAGNA. Codice IBAN IT33Y0538712900000000032033 intestato a Consiglio Notarile di Modena.
La relativa ricevuta, unitamente al modulo di iscrizione, dovrà essere inviata via e-mail al seguente indirizzo: consigliomodena@notariato.it
Chiusura delle iscrizioni: 20 maggio 2015
L’iscrizione comprende la partecipazione ai lavori, l’attestato di partecipazione e il lunch.
La partecipazione al convegno prevede l’assegnazione dei Crediti Formativi Professionali

5°CONGRESSO FEDERCONSUMATORI/
TREFILETTI PROCLAMA A MODENA L’ALLEANZA CON I NOTAI PER FARE FRONTE COMUNE CONTRO IL DDL CONCORRENZA PROPOSTO DAL GOVERNO RENZI

Oggi pomeriggio a Modena, il presidente nazionale di Federconsumatori, ha ribadito l’appoggio al Notariato sottolineando con forza la propria posizione contraria al nuovo Disegno di Legge sulla Concorrenza. Il commento di Flavia Fiocchi, presidente del Consiglio Notarile di Modena.

Modena, 14 maggio 2015 _ <Combattiamo insieme questa battaglia contro il DDL Concorrenza proposto dal governo Renzi, in difesa dei diritti dei consumatori e in nome della difesa delle tutele>. Così si è espresso oggi Rosario Trefiletti, presidente nazionale di Federconsumatori al 5°Congresso della categoria nella provincia di Modena, tenutosi presso la Sala Corassori, in piazza Cittadella. Parole, queste, rivolte al notaio Flavia Fiocchi, presidente del Consiglio Notarile di Modena intervenuta all’incontro, insieme al sindaco Gian Carlo Muzzarelli e al presidente provinciale di Federconsumatori, Renza Barani.
<Da molti anni _ ha commentato a sua volta Flavia Fiocchi _ il Notariato e le associazioni dei consumatori di rilevanza nazionale, in primis Federconsumatori, vanno, a braccetto, incontro al cittadino. Basti pensare alle Guide per il Cittadino sugli acquisti immobiliari, di nuove costruzioni, mutui informati, gestione dei condominii, successioni e diritto di famiglia , patti di convivenza, donazioni e acquisti alle aste immobiliari, scritte a quattro mani dal CNN e dalle principali associazioni consumatori>.

E, a proposito del DDL Concorrenza, ha sottolineato: <I notai e Federconsumatori condividono oggi forti perplessità sul Disegno di legge presentato in parlamento a fine febbraio. Non possiamo accettare _ ha detto _ che si mascheri dietro una condivisibile esigenza di liberalizzazione e di incentivo alla concorrenza , uno scippo vero e proprio di pubbliche funzioni, poste a tutela del sistema , presidio di legalità e certezza. E che si tenti di farlo passare come se fosse un risparmio per il cittadino e una semplificazione per le imprese>.
E ha aggiunto: <Prevedere la costituzione delle società semplificate senza l’intervento del Notaio o meglio, senza l’omologa ed il controllo del notaio, che sostituisce in questa funzione il giudice, è togliere di mezzo un filtro qualificato, che oggi tutela la corretta circolazione di capitali, e rende la vita difficile alla criminalità organizzata e alla circolazione del suo denaro non pulito>.
Il presidente del Consiglio Notarile di Modena ha infine messo in guardia: <Consentire che la circolazione degli immobili commerciali, dei terreni edificabili ed agricoli, degli uffici, dei capannoni, avvenga senza il controllo ed il filtro del notaio, è minare la certezza che fino ad oggi ha caratterizzato questi trasferimenti, scardinare un sistema di garanzie indispensabili al cittadino, al piccolo e medio imprenditore, all’artigiano, oggi fornite dai notai con grande competenza e a prezzi assolutamente contenuti>.

EXPO 2015-PIACEREMODENA

COMUNICATO STAMPA

IL DIRITTO ALLA TERRA E AL CIBO: IL RUOLO DEI NOTAI NELLA TITOLARIZZAZIONE DELLE PROPRIETA’
Ieri, nel contesto dell’inaugurazione di EXPO 2015-PIACERE MODENA, l’intervento del notaio Clorinda Manella, in rappresentanza del Consiglio Notarile di Modena, al Salotto Letterario ‘I Mercoledì del Tinello’ (Comitato Unitario delle Professioni Intellettuali-CUP, Commissione Pari Opportunità) alla Palazzina Vigarani, Giardini Ducali di Modena.

Modena 14 maggio 2014 _ Anche i notai del Consiglio Notarile di Modena, tra i professionisti che ieri sono intervenuti a EXPO 2015-PIACERE MODENA, nell’ambito del Salotto Letterario ‘I Mercoledì del Tinello’ (Comitato Unitario delle Professioni Intellettuali-CUP, Commissione Pari Opportunità) alla Palazzina Vigarani, Giardini Ducali di Modena.
Il notaio Clorinda Manella era presente in rappresentanza del Presidente del Consiglio Notarile di Modena, Flavia Fiocchi.

Canella ha sottolineato l’importanza fondamentale e la stretta connessione del sapere professionale – compreso quello dei notai – nel produrre cibo: < Il sapere professionale è una componente essenziale per produrre cibo: dal diritto di proprietà e dai contratti agrari ai contratti per i fornitori equi e senza clausole vessatorie, dalla corretta coltivazione dei suoli, dallo sfruttamento delle migliori tecniche di produzione e di conservazione degli alimenti, all’informazione dei consumatori diretta a far conoscere quel che si mangia, sono coinvolte tante figure professionali dagli agronomi, agrotecnici e periti agrari, dai veterinari, agli ingegneri, ai geologi, agli architetti del paesaggio, ai periti industraili, ai chimici, ai biologi, ai giornalisti, ai medici, ai farmacisti, ai consulenti del lavoro, agli avvocati, ai commercialisti e ai notai>.
E, sempre a proposito della connessione tra il diritto alla terra e al cibo, e il ruolo assunto dai notai a livello internazionale per la ‘titolarizzazione della proprietà’ ,ha spiegato: <La filiera agro-alimentare parte dalla terra. Il diritto alla terra e al cibo, è un diritto umano fondamentale, e il Notariato italiano, in coordinamento con l’Unione Internazionale del Notariato latino – a cui aderiscono 86 Paesi del mondo rappresentanti il 65% della popolazione mondiale – è tra i sostenitori del progetto per la “certezza delle microproprietà”, partito nel 2008-2009 in concomitanza con il progetto dell’ONU sull’empowerment legale dei poveri e che oggi incrocia l’Expo: il progetto di dare ad un fazzoletto di terra il nome della famiglia che per anni lo ha coltivato è stato inserito dal notariato italiano tra le azioni collegate alla Carta di Milano.
La missione “titolarizzazione della proprietà” è un’operazione complessa che vede coinvolte varie figure professionali e viene svolta in sinergia con le autorità locali dei Paesi richiedenti: nei municipi, i notai locali, con l’aiuto di professionisti tecnici come ingegneri e geometri e con la mediazione di professionisti delle scienze umane come antropologi e sociologi, trascrivono in pubblici registri il possesso della terra fondato su un diritto consuetudinario. Progetti pilota sono a buon punto in Madagascar ed in Burkina Faso dove sono stati consegnati i primi titoli di proprietà.
“Creare il diritto fondiario” nei Paesi poveri, con la certezza del diritto in forza della trascrizione dei titoli di proprietà_ ha spiegato ancora il notaio Clorinda Canella _ serve a migliorare le condizioni di vita delle persone, a contrastare l’aggressione da parte delle multinazionali, con l’ulteriore impoverimento delle popolazioni locali, a pacificare antichi contenziosi familiari e tribali, a promuovere il processo di crescita delle popolazioni anche in termini di autostima, autoefficacia ed autodeterminazione, a porre le basi per l’emancipazione dalla fame, a favorire lo sviluppo sostensibile del pianeta >.